L’ACQUA, SOSTANZA ENIGMATICA

L’acqua è onnipresente. Copre i due terzi della terra, e rappresenta il 70% del nostro peso corporeo. La vita sulla terra, animali e piante cesserebbero se non esistesse l’acqua. Partendo da questa considerazione dovrebbe essere logico che gli scienziati sapessero tutto sull’acqua, e invece molte domande su questa misteriosa sostanza restano senza risposta. Ad esempio, nessuno è in grado di capire come l’acqua liquida possa sopportare tanto calore, essa può infatti assorbire una grandissima quantità di calore facendo aumentare di poco la propria temperatura, a differenza  di qualsiasi altro liquido comune. Se la capacità termica dell’acqua fosse la metà del suo valore attuale, le fluttuazioni di temperatura del nostro pianeta sarebbero estreme e avrebbero molte implicazioni per la vita.

ACQUA MAGNETIZZATA, LA STORIA

Fino a pochi  decenni fa un gruppo di scienziati russi affrontarono un problema industriale importante. Quando il flusso dell’acqua attraversava i tubi di qualsiasi macchina, si accumulavano dei depositi nelle loro pareti. Con il passar del tempo, si restringeva il diametro del tubo e il flusso dell’acqua che circolava diminuiva. Mentre analizzavano le possibili cause di questo problema osservarono che ciò non accadeva quando si usava l’acqua magnetizzata. Così gli scienziati si interessarono sempre più allo studio del magnetismo. Iniziò quindi l’uso di acqua magnetizzata nel settore industriale in paesi dove la somministrazione dell’acqua era un bene scarso.

L’acqua è un fluido trasparente, che non ha colore, odore, forma ne sapore. Essa prende la forma del contenitore nel quale viene versata e il colore, l’odore e il sapore di altre cose mischiate con essa. È un solvente universale. Ha la capacità di assimilare le proprietà di altre cose. Gli scienziati notarono che quando l’acqua si trovava in contatto con un magnete per un periodo di tempo considerevole, si caricava magneticamente e acquistava quindi, proprietà magnetiche essendo in grado così di fornire importanti benefici nel corpo umano di chi la beveva regolarmente per un periodo di tempo.

USO DEI MAGNETI COME TERAPIA

In India, l’uso dei magneti a scopo terapeutico è molto antico, per molto tempo, pur non conoscendo il suo meccanismo di azione veniva utilizzata l’acqua che scorreva su magneti naturali e veniva somministrata a persone di età avanzata per dare loro energia e vitalità. Nella letteratura inoltre, da millenni, si descrive l’uso dei magneti per fermare le emorragie. Di recente c’è stato un ritorno del magnetismo come terapia, soprattutto nel trattamento del dolore e nelle malattie degenerative croniche come l’artrosi. Dalla NASA sono stati condotti approfonditi studi sul fatto che gli astronauti, che al momento della partenza erano totalmente sani, hanno sviluppato problemi di salute, ci fu quindi il sospetto che ciò derivava dal fatto che nello spazio veniva a mancare il magnetismo terrestre. E’ stato quindi condotto un esperimento molto interessante su due gruppi di astronauti tenuti in due stanze identiche, con gli stessi confort, ma che differivano soltanto nel fatto che in una, era stato creato il campo magnetico, nell’altra, “la gabbia di Faraday”, c’era totale assenza di quest’ultimo. Al rientro, dopo diversi mesi, coloro che si trovavano nella stanza dotata di campo magnetico erano in perfetta forma e in perfetta salute, chi invece aveva vissuto nella gabbia di Faraday presentava problemi di salute, invecchiamento precoce o addirittura, non era sopravvissuto. Soffriamo di una deficienza magnetica? La risposta potrebbe essere si, a meno che non abbiamo preso misure al riguardo. Il magnetismo della terra è andato diminuendo negli ultimi 2000 anni (circa del 30%). Alcuni scienziati indicano che è un processo che va accelerandosi e non si conoscono gli effetti che potrebbero derivarne. I magneti hanno due poli, Nord e Sud, l’uno ha forza repulsiva l’altro attrattiva. Ogni cellula nel corpo umano può essere interpretata come una piccola unità magnetica. Questa proprietà si osserva in tutti gli organi. Ogni cellula ha un suo campo magnetico. Qualsiasi alterazione di questo campo magnetico implica un disturbo. Utilizzando la terapia magnetica possiamo ripristinarne l’equilibrio. I fisici hanno osservato  che le sostanze chimiche hanno una variazione di peso sotto l’influenza di campi magnetici; nel caso dell’acqua si creano più gruppi idrossido (-OH) rispetto al bicarbonato di calcio e ad altre molecole alcaline. L’utilizzo di acqua magnetizzata comporta quindi una riduzione dell’acido, e un ambiente alcalino è sfavorevole allo sviluppo di patologie. L’acqua del rubinetto solitamente ha un PH intorno a 7, mentre l’acqua magnetizzata arriva a 7.8 dopo un’esposizione ad un’onda magnetica di 7000 gauss durante un certo periodo di tempo.

I magneti influiscono anche sulla geometria angolare della molecola d’acqua,l’angolo di unione tra l’atomo di ossigeno e gli atomi di idrogeno nell’acqua magnetizzata si riduce dai 104 ai 103 gradi, ciò permette che l’acqua crei cluster (gruppi) di 6-7 molecole contro i 10-12 soliti. I cluster più piccoli permettono un maggiore assorbimento dell’acqua attraverso le pareti cellulari.

ACQUA, ELEMENTO ESSENZIALE PER LA PELLE

La pelle, come del resto tutto il nostro organismo, richiede acqua per idratarsi. Questo elemento essenziale assicura la salute ed il benessere del nostro corpo. L’acqua è la componente maggiore nella materia viva. L’acqua rappresenta il 70-80% della composizione della pelle, il 10% lo troviamo nello strato corneo e il 70% negli strati inferiori della pelle. Un 50% di quest’acqua fluisce liberamente e un 20% è conservato come riserva nelle cellule. Questa riserva agisce come un cuore che pompa acqua continuamente. Il problema inizia quando la pompa non ha sufficiente acqua da pompare.

LA PELLE E’ IMPERMEABILE ALL’ACQUA, COME CONSENTIRNE LA PENETRAZIONE?

L’acqua ha proprietà fisico chimiche molto particolari. La molecola di acqua H2O ha la forma di tetraedro deformato dove gli atomi H-O-H  formano un angolo di 104.5°. La distribuzione degli atomi nella molecola la trasforma in un piccolo magnete. Le molecole d’acqua si attraggono a vicenda a causa della carica positiva degli atomi di idrogeno e quella negativa dell’ossigeno, questo è il motivo per il quale esse si organizzano in  cluster. Per la sua geometria angolare e l’organizzazione in cluster, 10-12 circa, l’acqua non ha potere di penetrazione nei confronti della pelle che spesso quindi ne ha carenza. Vi parlerò quindi un prodotto in grado di  fornire acqua alle cellule. Il prodotto in questione si chiama Aqua Sublime della linea Tegoder Cosmetics. Si tratta di un modello naturale di trasporto controllato e sostenuto dell’acqua nella pelle, basato sulla microtecnologia. L’ Aqua Sublime è formata da micro-strutture, composte da fosfolipidi organizzati in bistrati di origine naturale, caratterizzati da una parte idrofila, chiamata testa polare e una parte lipofila, chiamata coda apolare. All’interno di queste micro-strutture viene incorporata un’acqua che subisce un processo di magnetizzazione. Come vi ho spiegato in precedenza magnetizzando l’acqua, si modifica l’angolo di unione tra l’atomo di ossigeno e gli atomi di idrogeno che, si riduce dai 104.5° ai 103°, permettendo l’organizzazione in cluster di 6-7 molecole contro i 10-12 soliti, questo permette l’assorbimento dell’acqua attraverso le pareti cellulari. Le molecole dell’acqua vengono micro-incapsulate in maniera tale da evitare che esse si attraggano nuovamente. Si può in questo modo ottenere un’idratazione in tre dimensioni: superficiale, intermedia, profonda.